domenica , settembre 24 2017
Home / Cronaca / La Cassazione conferma l’ergastolo per Sabrina e Cosima

La Cassazione conferma l’ergastolo per Sabrina e Cosima

La Cassazione ha confermato l’ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano per l’omicidio di Sarah Scazzi come chiesto dal pg Fulvio Bufi.

L’avvocato Franco Coppi per Sabrina aveva chiesto l’annullamento del verdetto senza rinvio sostenendo che l’autore dell’omicidio è Michele Misseri. Per lui i giudici hanno confermato 8 anni soppressione di cadavere. Anche per lui, dunque, ora si apriranno le porte del carcere.

I giudici hanno inflitto cinque anni e undici mesi a Carmine Misseri (fratello di Michele), un anno e quattro mesi a Vito Russo e Giuseppe Nigro.

Lo zio di Sarah Scazzi è stato condannato per soppressione di cadavere e inquinamento delle prove, suo fratello per soppressione di cadavere, gli ultimi due per favoreggiamento.

La cugina Sabrina Misseri e la zia materna Cosima Serrano, madre e figlia, sono state condannate all’ergastolo in primo e secondo grado con l’accusa di aver strangolato e ucciso quell’adolescente minuta e graziosa che frequentava la loro casa tutti i giorni.

Le motivazioni della sentenza di appello di 1.277 pagine sono state depositate a 13 mesi dal verdetto.

“Rimaniamo convinti che c’è in colpevole e due innocenti che stanno scontando la pena al suo posto”. Queste le parole a caldo di Roberto Borgogno, legale di Cosima Serrano. “Sono due sventurate – dice il penalista – Non ci arrendiamo. Combatteremo fino alla fine. È una battaglia per la giustizia, perché siamo davanti a un enorme errore giudiziario“.

Fonte: mobinews.it


Consigliato

SCARICA L’EBOOK GUIDA AL BITCOIN
Dove investire e strategie di investimento sulla criptovaluta

ebook Guida Bitcoin

Ti potrebbe interessare:

Omicidio di Sarah Scazzi – Ivano Russo parla dopo 8 anni

Sono trascorsi cinque anni dall’omicidio di Sarah Scazzi e solo ora Ivano Russo parla di verità. Queste le dichiarazioni al Corriere del Mezzogiorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *