martedì , gennaio 16 2018
Home / Notizie / Il reddito di inclusione REI cambia ancora. Un aiuto economico per le famiglie in difficoltà

Il reddito di inclusione REI cambia ancora. Un aiuto economico per le famiglie in difficoltà

Il reddito di inclusione REI cambia ancora: con la Legge di Bilancio 2018 sono stati aumentati gli importi del contributo riconosciuto mensilmente – attraverso una carta elettronica prepagata – alle famiglie in difficoltà.

I nuovi importi però scatteranno dal 1° luglio 2018 e non con l’effettiva entrata in vigore della nuova misura assistenziale, prevista per il 1° gennaio 2018.

Per chi ancora non lo sapesse il reddito di inclusione – conosciuto con la sigla REI – è la nuova misura di contrasto alla povertà erogata dal 1° gennaio 2018 a tutti gli aventi bisogno. Una nuova social card che prenderà il posto del SIA (il sostegno per l’inclusione attiva) e dell’ASDI (l’assegno di disoccupazione).

Dal prossimo anno quindi le famiglie in difficoltà riceveranno un aiuto economico, ma non solo; il REI infatti oltre a prevedere una social card con un importo variabile riconosciuto a seconda del numero dei componenti della famiglia, include anche un progetto personalizzato al quale deve partecipare l’intero nucleo familiare utile per il superamento della condizione di povertà, tramite un piano di inclusione sia in ambito sociale che lavorativo.

Ricordiamo che nonostante il REI sarà riconosciuto a partire dal 1° gennaio si può già fare la richiesta: basta compilare il modello della domanda (che trovate di seguito) e presentarlo al Comune di Residenza.

Maggiori informazioni le trovate nel proseguo dell’articolo; una guida utile con tutto quello che c’è da sapere sul nuovo reddito di inclusione, compreso l’aggiornamento degli importi previsto dalla Legge di Bilancio.

 

Cos’è la Carta REI?

Le informazioni sul REI 2018 sono pubblicate sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e su quello dell’INPS, dove è possibile trovare tutti i chiarimenti sulla nuova misura assistenziale per le famiglie in difficoltà economica.

Requisiti

Il reddito di inclusione è una misura assistenziale riconosciuta alle famiglie che oltre ad essere in difficoltà economica presentino almeno una delle seguenti condizioni:

  • presenza di un minorenne;
  • presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore (o tutore);
  • presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (in questo caso la domanda può essere presentata dopo il 4° mese);
  • presenza di una persona con età pari o superiore ai 55 anni in stato di disoccupazione.

Per quanto riguarda lo stato di difficoltà economica, questo sussiste sotto determinate soglie di reddito. Nel dettaglio, per accedere al REI 2018 è necessario:

  • avere un valore ISEE non superiore ai 6mila euro;
  • avere un valore ISRE (che si ottiene dividendo l’ISR per la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore ai 3mila euro;
  • patrimonio immobiliare (non è compresa la casa di abitazione) non superiore ai 20mila euro;
  • valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10mila euro per le famiglie con più di due componenti, 8mila euro per la coppia e 6mila euro per la persona sola.

Inoltre, per accedere al REI 2018 è necessario che nessun componente familiare percepisca un altro ammortizzatore sociale, sia per l’impiego come la NASPI, che per il sostegno del reddito. Altro requisito è non possedere autoveicoli e motoveicoli immatricolati per la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta. Non possono fare domande del reddito di inclusione neppure i possessori di navi e imbarcazioni da diporto.

Possono fare richiesta non solo i cittadini italiani, ma anche quelli di altri Paesi. L’importante è che il richiedente straniero sia un cittadino dell’Unione Europea, oppure che un suo familiare sia titolare del diritto di soggiorno.

Congiuntamente, il richiedente al momento della presentazione della domanda deve essere residente in Italia da almeno due anni.

Importi

Come anticipato, l’importo del reddito d’inclusione varia a seconda del numero di componenti della famiglia. Ecco una tabella nella quale sono indicati gli importi massimi mensili (validi fino al 30 giugno 2018) percepibili dalla famiglia:

Numero di componenti Importo 1 187,50€ 2 294,50€ 3 382,5€ 4 461,25€ 5 485,41€

Questi importi però sono condizionati dalle risorse economiche già possedute dalla famiglia, ed è per questo che può essere ridotto qualora alcuni componenti siano già titolari di altri trattamenti assistenziali.

Inoltre, qualora uno o più componenti percepiscano un reddito, l’importo del REI verrà ridotto di un importo pari all’ISR adottato ai fini ISEE, nel quale si tiene conto anche delle spese di affitto (sottratte dai redditi fino ad un tetto di 7mila euro) e dei redditi da lavoro dipendente.

Questi importi vengono erogati attraverso la carta REI, per un massimo di 18 mesi. Può essere concessa un’ulteriore proroga per ulteriori 12 mesi, ma la domanda in tal caso va presentata non prima di 6 mesi dal pagamento dell’ultima mensilità.

Nuovi importi da luglio 2018

Con la Legge di Bilancio recentemente approvata dal Parlamento sono stati aumentati gli importi del reddito di inclusione. Le modifiche entreranno in vigore dal 1° luglio 2018, quando le famiglie in difficoltà potranno ricevere un assegno mensile fino a 534€ (a seconda del numero dei componenti familiari).

Quindi, dal 1° gennaio 2018 al 30 giugno 2018 gli importi saranno quelli elencati in precedenza. Il mese successivo – quindi a partire dal 1° luglio 2018 – saranno quelli indicati nella tabella successiva:

Numero componenti Importi 1 187,50€ 2 294,40€ 3 382,50€ 4 461,30€ più di 5 534€ Progetto personalizzato di inclusione sociale e lavorativa

Per poter beneficiare della social card, bisogna aderire al Progetto personalizzato di inclusione sociale e lavorativa, predisposto dai servizi sociali del Comune di appartenenza.

Questo progetto riguarda l’intero nucleo familiare, il quale dovrà adempiere ad alcuni impegni indicati dagli operatori sociali. Nel valutare il miglior percorso di inclusione possibile, questi terranno in considerazione i seguenti parametri:

  • condizioni personali e sociali;
  • situazione economica;
  • situazione lavorativa e profilo di occupabilità;
  • educazione e titolo di studio;
  • condizione abitativa;
  • reti familiari.

Qualora in questa fase di valutazione ci si renda conto che la situazione di difficoltà del soggetto dipende esclusivamente la mancanza di lavoro, il Progetto personalizzato verrà sostituito dal Patto di servizio e dal Programma di ricerca intensiva di occupazione.

Per accedere al beneficio il nucleo familiare dovrà sottoscrivere il programma individuato entro un termine di 20 giorni; qualora la famiglia beneficiaria del REI non rispetti gli adempimenti del programma, l’importo versato sulla social card verrà decurtato, fino ad arrivare alla totale decadenza del beneficio.

Come fare domanda

La domanda per accedere ai servizi assistenziali del reddito di inclusione può essere presentata dal 1° dicembre 2017, presso gli uffici predisposti dal Comune di residenza.

Il contributo verrà comunque erogato tramite l’INPS, il quale ha appena pubblicato il modulo da compilare per presentare la richiesta, che potete scaricare di seguito.

Modello per la richiesta del REI 2018 Clicca qui per scaricare il modello – pubblicato dall’INPS – da compilare e presentare al Comune per la richiesta del reddito di inclusione, il contributo che dal 1° gennaio 2018 verrà erogato tramite la Carta REI.

Una volta presentata la domanda il Comune procederà con una prima verifica dei requisiti, e poi invierà il tutto all’INPS (entro 15 giorni). Questo ha 5 giorni di tempo per completare le verifiche, dopodiché – in caso di esito positivo – invia tutto alle Poste Italiane le quali procederanno con l’accredito sulla Carta REI.

Cos’è la Carta REI?

Sono le Poste Italiane a fornire la Carta REI ai beneficiari del reddito di inclusione. Una social card elettronica sulla quale ogni mese verranno accreditati gli importi riconosciuti.

Questa carta quindi viene caricata direttamente dallo Stato e può essere utilizzata solamente dal titolare per fare acquisti tramite POS in supermercati e negozi alimentari, ma anche in farmacie e parafarmacie abilitate. La Carta REI può essere utilizzata anche per il pagamento delle bollette di luce e gas – recandosi presso gli uffici di Poste Italiane – ed è possibile prelevare direttamente del contante, ma entro un limite mensile di 240 euro.

Inoltre, per i possessori della carta è riconosciuto uno sconto del 5% sugli acquisti nei negozi e nelle farmacie convenzionate (ma non per gli acquisti di farmaci e per il pagamento del ticket sanitario).

Fonte: Money.it


Consigliato

SCARICA L’EBOOK GUIDA AL BITCOIN
Dove investire e strategie di investimento sulla criptovaluta

ebook Guida Bitcoin

Ti potrebbe interessare:

Reddito inclusione è operativo. Chi ne ha diritto e quanto vale?

Dal 1 dicembre è possibile presentare all'Inps le domande per accedere al Reddito di inclusione (Rei) per le famiglie in condizioni di povertà che partirà da gennaio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *