mercoledì , febbraio 21 2018
Home / Soldi / Bitcoin, Ethereum, Ripple, Litecoin, tutto quello che c’è da sapere sulle criptovalute

Bitcoin, Ethereum, Ripple, Litecoin, tutto quello che c’è da sapere sulle criptovalute

Oggi le criptovalute sono diventate un fenomeno di rilevanza globale, conosciuto da tutti o quasi. Anche se restano ancora un po’ geeky e con degli aspetti poco comprensibili ai più, nomi come Bitcoin, Ethereum, Ripple e Litecoin (tanto per fare alcuni esempi) hanno iniziato a fare capolino nel vocabolario e nelle conversazioni di tutti noi. A questo va ad aggiungersi l’interesse, sempre crescente, di banche, istituzioni finanziarie e politiche che tentano in qualche modo di cavalcare l’onda del successo delle criptovalute.

E se fino al 2015 era ancora complesso riuscire a trovare una delle maggiori banche mondiali o un’istituzione finanziaria di rilevanza internazionale interessarsi alle criptovalute o alla blockchain, oggi si contano decine di progetti di sistemi di pagamento decentralizzati che prendono spunto (se non addirittura esempio) dai Bitcoin e dalle altcoin. Insomma, pian piano le criptovalute stanno attirando le attenzioni di quelle stesse istituzioni che, in qualche modo, vorrebbero contrastare.

Nonostante il clamore mediatico, però, le persone che conoscono esattamente cosa siano le criptovalute non sono poi così tante. Ancora molti si confondono facilmente su quale sia l’effettivo valore del Bitcoin e quale il suo significato. Su come funziona la Blockchain e a cosa serve. Insomma, la confusione che regna nel settore è ancora molta (quanto meno per i non addetti ai lavori) e cadere in errore è molto semplice. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle criptovalute.

Che cosa sono le criptovalute

Da un punto di vista prettamente tecnico, le criptovalute sono una forma di pagamento (o moneta) digitale caratterizzata da un alto livello di sicurezza e, in molti casi, dall’anonimato. Gli standard di sicurezza sono garantiti da algoritmi di crittografia e dalle modalità di funzionamento della blockchain, che permettono di rendere ogni token unico e non modificabile.

Nella stragrande maggioranza dei casi, le criptovalute sono anche decentralizzate: come altri protocolli peer-to-peer il loro funzionamento e la loro gestione non è demandata a un organo centrale, ma affidata all’intera community di utenti. Una curiosità: pochi sanno che le criptovalute nascono come “prodotto secondario” dei Bitcoin. Il grande successo dell’invenzione di Satoshi Nakamoto, infatti, convince molti sviluppatori che il settore delle monete digitali è molto promettente e c’è buon margine di sviluppo.

Che cos’è Blockchain e quali le alternative

Uno dei segreti dei Bitcoin e delle altcoin sta nella blockchain (traducibile letteralmente con “catena di blocchi”). Anche se non si tratta di un costrutto teorico e tecnologico precedente le criptovalute, è con i Bitcoin che la blockchain trova un utilizzo massiccio e globale.

La blockchain è un libro mastro nel quale vengono registrate tutte, in ordine cronologico, le transazioni che avvengono tra tutti i proprietari della criptovaluta. Oltre a consentire di tenere traccia di ogni singolo scambio di Bitcoin o Ethereum, la blockchain rappresenta anche un’efficiente misura di sicurezza contro falsificazioni e tentativi di appropriarsi dei token di altre persone: ogni volta che una transazione viene registrata, questa non può essere modificata da nessuno. Insomma, una volta che avete acquistato Bitcoin o Ethereum, restano vostri fino a quando non decidete di liberarvene (o qualcuno vi induce a farlo con una truffa).

Con il passare degli anni, però, la blockchain Bitcoin ha mostrato qualche piccola crepa, soprattutto sul fronte della velocità nel verificare le transazioni e dello spazio occupato su hard disk. Sono così arrivate diverse proposte sia per migliorare la blockchain sia per sostituirla con altre tipologie di registri più efficienti sotto diversi punti di vista. Nel primo caso sono emblematici gli esempi di Ethereum e Bitcoin Cash che, sfruttando vari accorgimenti tecnici, sono riusciti a ridurre dimensioni della blockchain e accorciare sensibilmente i tempi per l’approvazione delle transazioni. Nel secondo caso, invece, possono essere presi ad esempio hashgraph e IOTA: il primo è frutto di un paper scientifico (che non trova ancora applicazione pratica) e, facendo forza sul protocollo gossip, riesce a ridurre sensibilmente il suo peso sull’hard disk e i tempi di verifica delle transazioni; il secondo, invece, è alla base dell’omonima criptovaluta e basa il suo funzionamento sul grafo aciclico diretto.

Quali sono le migliori criptovalute

Il successo del Bitcoin ha spinto altri sviluppatori (sia in forma singola sia in forma associata) a realizzare altre criptovalute (chiamate altcoin) che fossero in grado di ritagliarsi uno spazio

  • Cosa sono i Bitcoin. Primo esemplare della “specie”, i Bitcoin sono stati creati nel 2009 su iniziativa di Satoshi Nakamoto, pseudonimo dietro il quale si nasconde un misterioso sviluppatore (o un gruppo di misteriosi sviluppatori). Basati su blockchain, crittografia e protocollo p2p, i Bitcoin garantiscono alti livelli di sicurezza e “condivisione”. Con il crescere del loro successo (e del valore Bitcoin), alcune sue parti fondamentali (come la già citata blockchain) hanno accusato qualche piccolo contrattempo, ma ciò non ha scalfito l’interesse degli investitori nei loro confronti
  • Cosa sono gli Ethereum. Gli Ethereum (conosciuti nel circuito delle criptovalute con la sigla di ETH) sono la “moneta di scambio” da utilizzare nel caso in cui si vogliano concludere transazioni sull’omonima blockchain realizzata da Vitalik Buterin. Con il nome di Ethereum, infatti, si identifica anche l’omonima infrastruttura che consente lo scambio di smart contracts di ogni tipo (come, ad esempio, i Cryptokitties, ma non solo): una vera e propria piattaforma sulla quale gli sviluppatori possono far girare qualunque tipologia di software o applicativo blockchain vogliano. Ma che richiede, per l’appunto, il pagamento di commissioni in ETH
  • Cosa sono i Ripple. A differenza delle altre criptovalute, i Ripple sono stati creati con l’obiettivo di fornire a banche e altre istituzioni finanziare uno strumento grazie al quale trasferire denaro in maniera veloce e sicura. I Ripple non possono essere minati (sono stati rilasciati tutti al momento della loro creazione) e garantiscono alti livelli di sicurezza e completo anonimato
  • Cosa sono i Litecoin. Come dice anche il nome, i Litecoin sono una versione più leggera dei Bitcoin. Sono tra le prime criptovalute alternative a essere state create dopo i Bitcoin, dai quali mutuano gran parte delle loro caratteristiche e dell’infrastruttura tecnica/tecnologica. La più grande differenza è a livello di gestione di transazioni e blockchain, in modo che gli scambi di token siano approvati più velocemente e non occupino troppo spazio
  • Cosa sono i Monero. Le analogie tra Bitcoin e Monero si limitano all’utilizzo della Blockchain. Per il resto, questo altcoin utilizza diversi accorgimenti tecnologici (come stealth addresses e il sistema di ring signature) per garantire livelli di sicurezza più elevati e il totale anonimato degli utenti
  • Cosa sono IOTA. Tra le poche criptovalute a utilizzare sistemi alternativi alla blockchain, gli IOTA sono legati a doppio filo all’andamento del mercato dell’Internet of Things. Come ricorda anche il nome, questa criptovaluta è stata ideata e creata per velocizzare il pagamento di commissioni e transazioni per l’Internet delle cose

Come creare Bitcoin e altcoin

Al netto di qualche caso “isolato”, la stragrande maggioranza delle criptovalute viene creata tramite un’operazione chiamata mining. Vi chiedete come creare Bitcoin o Ethereum? Molto semplice, almeno da un punto di vista teorico. Tutto quello di cui avete bisogno è un wallet (portafogli digitale nel quale conservare le criptomonete), un software che ci consenta di collegarci alla blockchain e scaricare i blocchi da minare e, se si vuole, di aderire a un pool, che facilita i compiti di mining e permette di guadagnare più in fretta.

Come comprare Bitcoin e altcoin

Nel caso non vogliate impegnarvi nel mining Bitcoin perché troppo impegnativo (e costoso), potete sempre decidere di investire sulle criptovalute. Come qualunque altro asset finanziario, infatti, le criptovalute possono essere scambiate grazie agli exchange, degli intermediari che si occupano di abilitarvi alla compravendita di Bitcoin, Ethereum, Ripple e ogni altra criptovaluta esistente.

Come investire in Bitcoin con il trading online?

Anziché parlare dell’acquisto di moneta elettronica per concentrarci esclusivamente sul trading online, trading che, in ogni caso, rimane strettamente legato ai Bitcoin.

Per fare ciò proviamo a comparare i Bitcoin su Plus500 e iniziare il nostro percorso con il trading online tramite il noto broker specializzato in Forex e CFD la cui sede è a Dublino. Come mostra a chiare lettere la homepage del sito ufficiale di Plus500, questo conferisce particolare attenzione al trading sulle criptovalute. Per inciso, nel momento in cui scriviamo, vi è una particolare promozione in merito da approfondire sulla medesima sede citata.

In ogni caso, l’investitore che desidera fare trading online sui Bitcoin troverà certo interessante tale piattaforma per le ragioni che presto indichiamo. Per quanto concerne tale moneta elettronica Plus500 consente di fare trading a partire da soli 100 euro, di far trading di CFD sui Bitcoin con leva fino a 20 : 1 su mercati aperti 24 ore su 24 per 7 giorni alla settimana. Il tutto è garantito in quanto broker regolamentato e supportato grazie all’assistenza anche in lingua italiana.

Per fare trading online sui Bitcoin basterà, oltre a qualche nozione per comprendere e monitorare gli andamenti del mercato, una semplice connessione dati per collegarsi a internet, possedere un portafoglio digitale aperto accessibile mediante un PC o un semplice dispositivo mobile quale uno smartphone o un tablet grazie all’apposita app di trading. Tutto ciò è a ogni modo fruibile anche ai meno esperti grazie ad Plus500 e al suo Conto Demo, conto che consente di imparare a utilizzare la piattaforma senza per questo rischiare i propri soldi. Detto altrimenti, utilizzando un Conto Demo, si sfruttano soldi fittizi per apprendere le dinamiche di base del trading online su vari fronti.

Questi i grafici in tempo reale delle principali criptovalute

Grafico Bitcoin

Grafico Ethereum

Grafico Ripple

Grafico Bitcoin cash

Strategia di trading su criptovalute

Qui di seguito è presente il link per scaricare gratuitamente un ebook che include una Strategia di Trading ideale per approfittare delle opportunità offerte dai mercati finanziari.
Una Strategia di Trading semplice da mettere in pratica su valute, azioni, materie prime e indici di borsa e criptovalute.

Scarica l’Ebook “Strategia di trading”

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questa pagina, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati.

Consigliato

SCARICA L’EBOOK GUIDA AL BITCOIN
Dove investire e strategie di investimento sulla criptovaluta

ebook Guida Bitcoin

Ti potrebbe interessare:

Soluzioni e consigli per fare soldi con i Bitcoin

Se vogliamo iniziare a guadagnare con i Bitcoin le soluzioni oggi non mancano di certo. Proprio per questo qui di seguito abbiamo elencato le soluzioni più comuni per fare soldi con i Bitcoin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *