sabato , agosto 18 2018
Home / Curiosità / Vivere alle Canarie. Un sogno non solo per i pensionati

Vivere alle Canarie. Un sogno non solo per i pensionati

Da qualche anno a questa parte si sente parlare spesso di italiani emigrati alle Isole Canarie, un paradiso terrestre dove il clima è sempre bello, il mare limpido, la vita tranquilla e all’insegna del relax. Questa almeno è la “narrazione” diventata preponderante nell’opinione pubblica, anche se poi la realtà dei fatti a volte può essere molto diversa.

Sarà la voglia di cambiare aria mettendo da parte le abitudini di una vita, o forse il desiderio di avere un’imposizione fiscale più favorevole, fatto sta che gli italiani in partenza per queste isole paradisiache non mancano mai. Tra di loro ci sono ovviamente tantissimi pensionati: per chi percepisce una pensione INPS, infatti, c’è la possibilità di ottenere una consistente defiscalizzazione.

Come trasferirsi alle Canarie, lo sportello del Codacons

Ma quali in concreto i passaggi da seguire per trasferire alle Canarie? A quanto ammontano i risparmi fiscali? A cosa bisogna stare attenti? Come ci si difende dagli speculatori?

Da oggi per avere risposta a questo genere di domande, ci si può rivolgere al Codacons. L’associazione dei consumatori ha infatti deciso di lanciare lo “Sportello SOS non solo turismo” per offrire assistenza e consulenza a tutti coloro che intendono trasferirsi e/o investire alle Canarie. Si tratta, è bene premetterlo prima, di un servizio non gratuito, ma dai costi comunque ragionevoli.

Con questa iniziativa, il Codacons si propone si diventare “un punto di riferimento per rispondere a tutte le necessità che potranno sorgere a seguito della decisione di trasferire la residenza, costituire società o investire nel mercato immobiliare nelle isole Canarie”.

Sempre più pensionati alle Canarie

Solo tra i pensionati – riferisce l’associazione dei consumatori – si contano più di 30mila connazionali che hanno deciso di vivere stabilmente in una delle isole dell’arcipelago, “numeri destinati ad aumentare in considerazione degli indubitabili vantaggi che le isole spagnole offrono a chi intende cambiare vita”.

Quanto costa una consulenza

Gli esperti del Codacons vi spiegheranno ad esempio come ottenere il NIE (il numero di identificazione dello straniero paragonabile al nostro codice fiscale), quali sono gli sgravi fiscali per chi percepisce una pensione Inps, e fornirà assistenza su eventuali investimenti immobiliari e finanziari da parte di privati e di piccoli imprenditori. Il costo di una consulenza è di 150 euro per i pensionati e di 200 per chi ha in mente di fare un investimento immobiliare, mentre per gli imprenditori l’importo può variare dai 500 ai 1000 euro.

Ovviamente in Rete ci sono molti blogger che forniscono informazioni gratis, ma il parere di un esperto che segue personalmente il proprio caso può essere comunque utile o addirittura indispensabile se si è meno scafati.

Secondo l’indagine del Centro Studi di Itinerari Previdenziali sono 370mila gli italiani che hanno deciso di “fuggire” all’estero e farsi pagare lì la pensione. Un trend in continua crescita. Secondo il report, in cima alla classifica degli Stati dove medici, avvocati, ma anche impiegati e operai, ricevono la pensione Inps ci sono tre Paesi – Canada, Australia e Germania – con circa 151 mila assegni corrisposti a nostri connazionali.

Non mancano tuttavia i furbetti che trasferiscono la loro residenza in Paesi stranieri, ma di fatto vivono in Italia: un fenomeno che l’Inps sta tentando di contrastare attraverso verifiche sull’effettivo luogo di residenza.

Fonte: today.it


Consigliato

SCARICA L’EBOOK GUIDA AL BITCOIN
Dove investire e strategie di investimento sulla criptovaluta

ebook Guida Bitcoin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.