venerdì , Gennaio 11 2019
Home / Notizie / Bolletta troppo alta, NO grazie. Le soluzioni per risparmiare

Bolletta troppo alta, NO grazie. Le soluzioni per risparmiare

Uno dei maggiori problemi degli Italiani per quanto riguarda le spese condominiali è sicuramente quello della bolletta troppo alta. Spesso senza che ci rendiamo conto la nostra bolletta è sempre più alta per motivi di varia natura, ma spesso soprattutto per l’uso troppo elevato della luce, soprattutto nei periodi invernali. La stessa cosa vale per i riscaldamenti che ogni anno sembrano diventare sempre più cari. A causa dei problemi economici sempre più spesso è importante riuscire a tagliare le spese.

Tagliare le spese delle bollette diventa molto importante per non rinunciare alle piccole gioie della vita quali cibo, shopping, divertimento ecc… Esistono per imparare a risparmiare sulla bolletta degli economizzatori che utilizzandoli permettono di controllare il consumo esagerato di energia.

Discovery Research Group è l’azienda che ha valutato il vantaggio effettivo derivante dagli ottimizzatori di energia elettrica domestica, ma possiamo affermare che esistono anche moltissimi metodi per diminuire il consumo. Ad esempio, se si eliminano gli spifferi, investendo su infissi di qualità migliore che evitino la dispersione di calore e se si decide di impostare il termostato senza superare i 21°C si può diminuire il consumo del 7 % circa.

Bolletta Enel

Ecco alcune info relative al pagamento della bolletta:

La bolletta deve essere pagata entro la data di scadenza, che trovi sotto la voce “Totale da Pagare” nella prima pagina. Il modo più facile e veloce per pagare la tua bolletta è l’addebito diretto (domiciliazione bancaria / postale/ carta di credito). Pagando oltre la scadenza potrebbero essere addebitati costi aggiuntivi.

Per conoscere lo stato di pagamento della bolletta è possibile collegarsi al sito ufficiale Enel ed entrare all’interno dell’Area Clienti. Nelle bollette sono presenti le seguenti informazioni:

DOMICILIATA SU CONTO CORRENTE BANCARIO/POSTALE/CARTA DI CREDITO: fattura sulla quale è attivo l’addebito diretto.

NON PAGATA: pagamento non ancora ricevuto. Ricordati di pagare la bolletta entro la scadenza per evitare eventuali addebiti di spese per fatture in ritardo.

PAGAMENTO IN CORSO DI REGISTRAZIONE: pagamento concluso con esito positivo: la registrazione è in corso, lo stato sarà aggiornato automaticamente a fattura pagata appena completeremo l’operazione.

PAGAMENTO IN RITARDO: spaghi la bolletta in ritardo ti potrebbero essere addebitati gli interessi di mora previsti per ogni giorno di ritardo e le spese sostenute per gli eventuali solleciti di pagamento. Inoltre ti ricordiamo che se la tua fornitura dovesse essere sospesa per morosità, anche per l’eventuale riattivazione del servizio dovrai sostenere un costo.

PAGATA: pagamento della bolletta ricevuto e registrato.

RATEIZZATA: fattura per cui è attiva una rateizzazione. Puoi avere tutte le informazioni clicca qui.

L’importo sulla bolletta presenta le seguenti voci principali:

SPESA PER IL GAS NATURALE: è una voce di costo imputabile alle attività di compravendita effettuate per fornire il gas naturale direttamente a casa tua. È costituita da componenti fisse e variabili dipendenti dal tipo di prodotto scelto.

SPESA PER L’ENERGIA: comprende i costi dell’energia elettrica e delle attività di compravendita effettuate per fornire l’elettricità direttamente a casa tua. Sono composti da una componente variabile, dipendente dal tipo di prodotto scelto, e da altri importi fissi e variabili.

SPESA ONERI DI SISTEMA: sono i corrispettivi destinati alla copertura di costi relativi ad attività di interesse generale per il sistema elettrico o per il sistema gas pagati dai clienti finali. Sono dei costi riscossi dal fornitore di energia elettrica per conto dello Stato e degli enti locali. Sono inoltre presenti il totale imposte e l’IVA.

SPESA TRASPORTO E GESTIONE CONTATORE: è l’importo da pagare per il servizio di trasporto dell’energia elettrica o del gas naturale fino a casa tua. È composto da quote fisse e quote variabili calcolate in base ai tuoi consumi. L’esposizione in bolletta segue la regola degli scaglioni di consumo.

Sulla bolletta sono, inoltre, presenti i volumi che riflettono in base alla loro rilevanza su su tutte le voci della fattura. I volumi presenti sulla bolletta Enel sono i seguenti:

PREZZO: è quello che scegli direttamente in fase di sottoscrizione del contratto e si riflette solo sulla componente di spesa per l’energia / per il gas naturale. Per conoscere il prezzo della tua offerta, vai nella bolletta di dettaglio e sotto la sezione Spesa per l’energia / per il gas naturale trovi il prezzo unitario.

SPESA PER L’ENERGIA/PER IL GAS NATURALE: i volumi sono moltiplicati in base al prezzo della tua offerta.

SPESA PER TRASPORTO E GESTIONE/SPESA PER ONERI DI SISTEMA E IMPOSTE E IVA: sono moltiplicati per i costi di gestione fissati dalla normativa che non dipendono da Enel Energia.

Ecco alcune info per quanto riguarda invece la fornitura del gas:

Alla ricezione di una lettura reale effettueremo un ricalcolo delle fatture precedenti e questo potrebbe comportare un aumento sull’importo della bolletta.

Fin quando non riceviamo una lettura reale continueremo a stimare i tuoi consumi.

Per assicurare una stabilità negli importi delle tue bollette ricordati di inviarci l’autolettura del tuo contatore.

Se la tua bolletta riporta valori distanti da quelli che ricevi normalmente la differenze potrebbe essere causata da una mancanza di letture reali.

Luce

Quando dobbiamo pagare la bolletta della luce, possiamo riscontrare delle difficoltà nella lettura della spesa ed è quindi molto importante capire bene le voci presenti sulla bolletta per essere certi di pagare quanto realmente dovuto. Vediamo quindi insieme le voci della bolletta.

1) SPESA PER LA MATERIA ENERGIA

La spesa per la materia energia è costituita da quota fissa (€/anno), indipendente dal consumo (si paga anche in assenza di esso), e quota energia (€/kWh), che si paga in proporzione al consumo ed è l’unica parte variabile della tariffa energetica, ossia quella che determina la differenziazione delle tariffe elettriche nel mercato libero dell’energia. La quota dell’energia è composta da:

DISPACCIAMENTO: costo del servizio che garantisce l’equilibrio tra energia immessa nelle reti elettriche ed energia prelevata dai clienti finali.

PERDITE DI RETE: pesano circa il 10,4% sul prezzo dell’energia. Nel Servizio di Tutela sono incluse nel prezzo dell’energia, mentre nel mercato libero sono fatturate separatamente.

PEREQUAZIONE: componente che serve a garantire che gli importi pagati dal cliente per energia e dispacciamento siano i costi effettivi sostenuti dal fornitore.

PREZZO DELL’ENERGIA: costo di acquisto dell’energia elettrica.

2) SPESA PER IL TRASPORTO E LA GESTIONE DEL CONTATORE

La spesa per il trasporto e la gestione del contatore è legata al trasporto dell’energia. Le tariffe sono stabilite dall’Autorità Garante per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI), quindi il prezzo non varia tra i diversi fornitori. La spesa complessiva dipende da:

ENERGIA (€/kWh): applicata all’energia consumata.

QUOTA FISSA (€/KW/mese): indipendente dal proprio consumo.

QUOTA POTENZA (€/KW/mese): applicata alla potenza impegnata.

3) SPESA PER ONERI DI SISTEMA

La spesa per oneri di sistema, copre i costi relativi ad attività di interesse generale per il sistema elettrico ed il prezzo è stabilito dall’AEEGSI trimestralmente, quindi non varia in base al fornitore scelto. Troveremo quindi:

QUOTA ENERGIA (€/kWh): applicata in base all’energia consumata e, quindi, pagata da tutti indipendentemente dalla residenza.

QUOTA FISSA (€/cliente/mese): non è legata ai consumi e si applica solo alle abitazioni di non residenza.

4) IMPOSTE

Le imposte, che rimangono invariate per ogni fornitore e sono stabilite dalle leggi statali. Esse sono costituite dalle accise, che si applicano all’energia consumata, e dall’IVA al 10%, applicata sull’importo totale della bolletta (di conseguenza è influenzata anche dalla tariffa scelta). Ecco alcune info:

Nel Mercato di Tutela il pagamento con addebito sul conto corrente prevede uno sconto di 6€/anno.

Nel Mercato Libero alcuni fornitori addebitano un costo aggiuntivo in bolletta (in media pari a 2€) per i clienti che preferiscono utilizzare il bollettino come metodo di pagamento e la fatturazione cartacea.

Utilizzare il RID come metodo di pagamento o ricevere la bolletta in formato elettronico può rappresentare talvolta un risparmio in bolletta rispetto al pagamento col bollettino postale o all’invio della bolletta in formato cartaceo.

Come risparmiare sulla bolletta

Saper leggere correttamente la bolletta del gas è importante non solo per comprendere tutti i costi che si sostengono, ma anche per confrontare consapevolmente le offerte presenti sul mercato e individuare quella più conveniente per i propri consumi. Ecco alcune info:

La tariffa bioraria invece prevede un prezzo al kWh differenziato in base alle fasce orarie in cui viene utilizzata ed è consigliata a chi ha un consumo che si distribuisce in particolari giorni della settimana e ore del giorno. Le fasce orarie vengono indicate sulle offerte come: Fascia F1, generalmente circoscritta a un arco temporale che va dalle h 8 alle h 19 e dal lunedì al venerdì; Fascia F2, riferita generalmente alle h 19 – 8 dal lunedì al venerdì e durante i week end e le festività.

Per l’energia elettrica esistono due tipologie di tariffe, monoraria e bioraria; l’indicazione della tariffa applicata alla propria fornitura è riportata nella prima pagina della bolletta. La tariffa monoraria prevede un prezzo al kWh indifferenziato per tutte le fasce orarie ed è consigliata a chi ha un consumo che si distribuisce in maniera omogenea in tutti i giorni della settimana e su tutte le ore del giorno.

Electricity Saving Box

Electricity Saving Box è l’apparecchio capace di eliminare l’energia reattiva, reimmessa dagli elettrodomestici sulla rete, fonte di interferenze e disturbi nel funzionamento dei nostri apparati elettrici. Sicuramente un grande spreco in quanto, al contrario di quella attiva, l’energia reattiva non viene realmente utilizzata.

Per acquistare Electricity Saving Box è necessario collegarsi sul sito ufficiale del prodotto dove si potranno trovare moltissime promozioni. Dopo essere entrati nel sito ufficiale è necessario effettuare la registrazione e successivamente ordinare il prodotto. Questo strumento è altamente esclusivo e, la rapida consegna affidata al corriere insieme all’affidabilità del sito, rappresentano i punti di forza su cui soffermarsi maggiormente. Se volete risparmiare in modo considerevole sulla bolletta, scegliete Electricity Saving Box!

Fonte: Notizie.it


Scarica gli ebook sul trading gratuiti

Ti potrebbe interessare:

Il 2018 si preannuncia un anno di rincari. In arrivo una nuova stangata

Il 2018 si preannuncia un anno di rincari, che peseranno in maniera significativa sul conto degli italiani. L'Adusbef ha vaticinato un rincaro per ciascuna famiglia di circa 1.000 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.