venerdì , luglio 20 2018
Home / Notizie / Conto corrente gratuito. Chi ne ha veramente il diritto

Conto corrente gratuito. Chi ne ha veramente il diritto

Avere un conto corrente in banca il più delle volte non è soltanto utile ma indispensabile. Le spese e le commissioni da pagare, specie per le categorie economicamente svantaggiate, possono esser però insostenibili.

Su ogni conto corrente, infatti, ricadono dei canoni fissi e degli altri costi variabili: i primi sono quelli che il cliente deve sobbarcarsi per aprire o tenere in vita il conto, mentre i secondi sono quelli il cui ammontare dipende esclusivamente dal numero delle operazioni che si effettuano nell’arco dell’anno.

Il 19 maggio 2018, in Gazzetta Ufficiale, è stato ora pubblicato il decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze n. 70 del 3 maggio 2018 che offre a una platea di risparmiatori – privi di mezzi economici – il diritto ad aprire un conto corrente gratuito, o per alcune categorie a fronte del pagamento del solo canone annuale.

Decreto già entrato in vigore

Stando a quanto pubblicato sulle pagine di StudioCataldi.it,

“si tratta del regolamento attuativo dei nuovi articoli 126-vicies semel, 126-vicies bis e 126-vicies quater del Decreto legislativo n. 385/1993 (Testo unico bancario), introdotti dal Decreto legislativo n. 37/2017, a sua volta attuativo della direttiva 2014/92/UE, sulla comparabilità delle spese relative al conto di pagamento, sul trasferimento del conto di pagamento e sull’accesso al conto di pagamento con caratteristiche di base”.

A chi è destinato

L’offerta è destinato a lavoratori e pensionati con reddito basso. Il conto di base è offerto senza alcuna spesa, e non è sottoposto all’imposta di bollo, per i consumatori con ISEE inferiore a 11.600 euro (sarà sufficiente presentare annualmente un’autocertificazione nella quale si attesti il possesso del requisito).

Al cliente che dovesse eccedere nel numero delle operazioni saranno addebitate esclusivamente le spese extra, ma il costo dovrà essere contenuto.

Il conto potrà essere anche cointestato, ma soltanto a componenti del nucleo familiare che sono stati considerati nel calcolo dell’ISEE. Si potrà avere un solo conto di base gratuito. Per i pensionati, la possibilità di aprire il conto gratuito sarà ammessa nel caso in cui la pensione lorda annua non superi i 18mila euro.

Saranno inclusi nell’offerta:

Fonte: notizie.tiscali.it


Consigliato

SCARICA L’EBOOK GUIDA AL BITCOIN
Dove investire e strategie di investimento sulla criptovaluta

ebook Guida Bitcoin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.