martedì , ottobre 16 2018
Home / Notizie / È la fine del sistema di maggior tutela, si passa al mercato libero. Cosa cambia nella bolletta

È la fine del sistema di maggior tutela, si passa al mercato libero. Cosa cambia nella bolletta

Novità in arrivo per quanto riguarda le bollette dell’energia. Entro il prossimo mese di luglio tutti gli utenti saranno infatti chiamati a cambiare gestore scegliendo tra quelli operanti nel ‘mercato libero’ a causa della fine del sistema di ‘maggior tutela’. Una scelta che non dovrebbe comportare grossi cambiamenti per i consumatori ma che potrebbe tradursi in corposi aumenti della bolletta per i più distratti che ometteranno di compiere la scelta entro i termini prestabiliti.

Addio alla maggior tutela, si dovrà scegliere un gestore del mercato libero: cosa cambia nella bolletta

Da alcune settimane si susseguono in televisione inserzioni pubblicitarie di aziende produttrici di energia che sollecitano i consumatori ad effettuare la scelta del nuovo gestore in vista della fine del sistema di maggior tutela.

Il risultato potrebbe essere quello della generazione di ansia, dal momento che non viene spiegato esattamente in cosa consiste questa novità e quali sono i rischi, se vi sono, ai quali si potrebbe andare incontro.

I pratica, si tratta dell’ultimo stadio della liberalizzazione del mercato dell’energia introdotta con il decreto Bersani del 1999, il cui completamento è stato prorogato al luglio 2019 dal Ddl Concorrenza. Entro tale data gli utenti di gas e luce dovranno cambiare gestore e passare dalla maggior tutela, dove il costo dell’energia in bolletta è stabilito trimestralmente dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico in base alle quotazioni internazionali degli idrocarburi, al mercato libero, nel quale le aziende potranno determinare liberamente i prezzi di vendita dell’energia al cliente.

Per il consumatore finale non dovrebbe cambiare molto, dal momento che i prezzi saranno comunque sottoposti alle regole della concorrenza, a meno di ‘cartelli’ illegali contro i quali sarà la stessa Autorità a vigilare.

Il rischio aumenti in bolletta per chi non sceglie

Nessun rischio di aumenti in bolletta, quindi, per i consumatori, a meno che si ometta di effettuare la scelta del gestore entro la scadenza del 1° luglio. In questo caso, infatti, le bollette saranno assoggettate al servizio di salvaguardia, lo stesso che attualmente viene applicato ai clienti morosi rimasti senza fornitura e che prevede un costo per l’energia decisamente più caro in quanto il costo della componente energia viene maggiorato del cosiddetto ‘parametro omega’, una specie di fattore di rischio che penalizza chi rimane senza fornitura.

Fonte: blastingnews.com


Consigliato

SCARICA L’EBOOK GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI
Il modo giusto per iniziare ad investire sui mercati finanziari

ebook Guida Bitcoin

Ti potrebbe interessare:

È ora di dire la verità. Quanto costeranno realmente gli aumenti in bolletta

La bufala degli aumenti in bolletta da 35 euro, nonostante sia stato spiegato bene perché si tratti di una notizia falsa, continua ad essere diffusa e i consumatori rimangono sempre più perplessi e preoccupati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.