domenica , settembre 23 2018
Home / Notizie / Settembre 2018, nuovi rincari sulla bolletta luce e gas

Settembre 2018, nuovi rincari sulla bolletta luce e gas

Aumenta la bolletta luce e gas a settembre 2018. È questa la brutta notizia che ci aspetta al ritorno delle fiere.

Previsto un aumento bolletta luce e gas a partire da settembre 2018, dopo i rincari estivi. Oltre al pane e alla pasta e al caro scuola, dunque, sono attesi incrementi anche nelle bollette elettriche e del gas. La causa sarebbe da addursi alla siccità che ha colpito l’Europa questa estate. E che ha determinato l’incremento della domanda di energia per il funzionamento dei condizionatori, ma non solo.

Aumento bolletta luce e gas in autunno: le cause

È stato infatti rallentato il lavoro delle centrali nucleari, alcune delle quali hanno dovuto interrompere (in Francia ne sono state sospese temporaneamente 3); di conseguenza l’energia prodotta dal nucleare (meno costosa) ha subito un fisiologico rallentamento a favore dell’energia prodotta da centrali a carbone e gas (più costosa). Da qui l’incremento delle bollette della luce e del gas previsto in autunno.

A tutto questo, come riporta Repubblica, si aggiunge “un aumento dei prezzi della materia prima, già sotto pressione per la domanda crescente in Asia”; senza considerare che “il prezzo del carbone è ai livelli più alti degli ultimi sei anni e il gas sui mercati spot viene scambiato negli ultimi giorni a livelli mai registrati prima in piena estate”. Ma il crescente consumo di energia deriva anche dal fabbisogno richiesto dai grandi data center.

Aumento bolletta luce e gas: c’è stato anche a luglio

L’incremento autunnale segue certamente quello estivo. L’Arera aveva infatti comunicato un aumento del 6,5% per l’energia elettrica e dell’8,2% per il gas naturale per il mese di luglio; che è andato a compensare (in negativo per i consumatori) il forte ribasso registrato nei primi 3 mesi del 2018. L’aumento estivo sarebbe stato generato dalle tensioni internazionali e dall’accelerazione delle quotazioni del petrolio. Un incremento che sarebbe potuto essere anche più consistente se non ci fosse stata una riduzione degli oneri di sistema, compensati con un intervento di scudo determinato dalle giacenze di cassa.

Fonte: termometropolitico.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.