sabato , settembre 22 2018
Home / Soldi / L’importanza di gestire i soldi in coppia in modo corretto

L’importanza di gestire i soldi in coppia in modo corretto

Negli ultimi anni si è registrato una riduzione del numero dei matrimoni in Italia. Questo non significa che non ci sono nuove coppie e nuove famiglie, il motivo è solamente che molte coppie preferiscono andare a convivere.

Qualunque sia la vostra situazione, sia da sposati che come conviventi, è importante sapere come gestire i soldi in coppia in modo corretto trovando la soluzione più pratica.

Ovviamente quello scritto in queste righe non sono regole ma solo delle soluzioni adatte alla maggior parte delle coppie.

Soluzioni per gestire i soldi in coppia

Le più comuni sono:

  • conti separati ma con una cassa comune;
  • conto cointestato;
  • conto unico.

Premesso che ogni coppia trova la soluzione che più si adatta alle proprie esigenze, noi possiamo solamente elencare alcune soluzioni possibili analizzando i pro e contro di ognuna.

Gestire i soldi in coppia con conti separati

Mantenere i conti separati significa mantenere la propria posizione prima della convivenza. Ognuno avrà il proprio conto e per le spese comuni uno dei due anticipa e l’altro gli dà la propria parte.
Questo è un po come si faceva una volta. Una sorta di cassa comune dove accingere per le spese quotidiane.
Mantenere i conti separati ha il vantaggio di non aver costi aggiuntivi (non aprendo alcun altro conto). Inoltre se la coppia nel peggiore dei casi si separasse, ognuno ha il proprio conto e la situazione tornerà ad essere come prima della convivenza.
I lati negativi di questa situazione è la difficoltà nel tenere i conti continuamente i conti. E’ difficile dividere perfettamente il dare e l’avere e finisce quasi sempre che uno dei due paghi di più.

Gestire i soldi in coppia con conti cointestati

Nella scelta del conto cointestato, ognuno dei due mantiene il proprio conto e versa su un conto cointestato una quota periodica oppure quando ci trova di fronte ad una spesa superiore a quella presente nel conto cointestato.
E’ una soluzione molto pratica in quanto ognuno mantiene il proprio conto per le spese personali versando una quota periodica o nel bisogno nel conto comune che servirà per pagare tutte le spese comuni come per esempio, mutuo, spesa, bollette e altro. Per esempio ci si può far lasciare il bancomat dal conto comune della coppia e utilizzarlo per le spese collegate alla casa.
I vantaggi del conto cointestato sono la comodità, rapidità, gestione delle spese, monitoraggio di entrate e uscite.
I contro sono invece le spese bancarie per il conto aggiuntivo. In questo caso la una soluzione economica è quella di affidarsi ad una banca online, sicuramente più economica di quella tradizionale.

Gestire i soldi in coppia con un conto unico

Nella scelta del conto unico, visto anche comunione dei beni, entrambi chiudono il proprio conto e ne aprono uno unico su cui depositano i propri stipendi e da cui attingono per ogni tipo di spesa.
I vantaggi sono, come il conto cointestato, la comodità, rapidità, più semplice gestione delle spese, monitoraggio di entrate e uscite, ma si differenzia da un risparmio maggiore in quanto il conto è unico oltre ad avere carta di credito e bancomat unici.
Gli svantaggio sono le eventuali disparità, sia in termini di retribuzione che di spese che vengono annullate nel conto unico.

Come si può notare, le soluzioni per gestire i soldi in coppia sono diverse e dipendono da una serie di fattori personali.
Ovviamente la comunicazione tra le due parti è il punto fondamentale di partenza e sarà questo il modo giusto per trovare un compromesso economico. Fate voi la scelta migliore!


Consigliato

SCARICA L’EBOOK GUIDA AL BITCOIN
Dove investire e strategie di investimento sulla criptovaluta

ebook Guida Bitcoin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.