mercoledì , giugno 20 2018
Home / Soldi / Truffa Bitcoin. Attenzione a chi vi propone l’investimento

Truffa Bitcoin. Attenzione a chi vi propone l’investimento

Non so a voi, ma da qualche tempo nella mia casella di posta elettronica si accumulano mail, non sollecitate, di intermediari finanziari o sedicenti tali che mi decantano le virtù di un investimento in Bitcoin. Investimento che effettivamente se fosse stato proposto e sottoscritto il primo gennaio di quest’anno, quando la criptovaluta chiuse a 997,68 dollari, avrebbe reso, col Bitcoin che in queste ore scambia ad oltre 18.000 dollari, la bellezza del 1.700%.

E’ davvero un buon investimento?

Il problema è che al momento banchieri, economisti e trader non sono neppure sicuri di poter definire quello in Bitcoin un vero e proprio “investimento” e non semplicemente una scommessa, dato che per poter essere definito “investimento” occorrerebbe potersi basare su dati e stime condivise e attendibili circa il valore della criptovaluta, non solo sul fatto che la domanda supera di gran lunga l’offerta in questo momento.

13.000 euro “garantiti”

Non solo: l’ultima mail che mi suggerisce questo investimento recita testuale:

“sfrutta anche tu il successo dei Bitcoin e guadagna 13.000 euro garantiti in sole 24 ore!”

Per quanto ne so dopo anni di lavoro come gestore patrimoniale prima e analista finanziario poi, non è possibile dare questo tipo di garanzia, come non è possibile predire il futuro (in particolare le performance che saranno registrate da un investimento) basandosi sul passato (l’andamento dei prezzi finora).

Attenti a Bitcoin Code

Si tratta dunque di una truffa? Sì, visto che nella mail si fa riferimento ad un Bitcoin Code che ruoterebbe attorno a un robot di trading automatico. Peccato che Bitcoin Code non sia in alcun modo un broker autorizzato e pertanto il deposito che viene richiesto a chiunque si fidi della mail rischi di essere il primo e l’ultimo, potendo la società dietro questa attività di marketing molto “aggressiva” fare ciò che vuole dei soldi spontaneamente depositati sui suoi conti. Almeno sinché la Consob o la magistratura non decideranno di intervenire.


Consigliato

SCARICA L’EBOOK GUIDA AL BITCOIN
Dove investire e strategie di investimento sulla criptovaluta

ebook Guida Bitcoin

Ti potrebbe interessare:

Bitcoin e le altre criptovalute dovranno comparire della dichiarazione dei redditi del 2018

Coloro i quali hanno posseduto Bitcoin ed altre criptovalute nel corso del 2017 faranno bene ad informarsi in merito alla compilazione del quadro RW. L'agenzia delle Entrate le vuole nella dichiarazione dei redditi 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.